Pina Russo

Pina Russo

Le frontiere del mondo… o quasi!

 

Sono le 3 del mondo e sfioro appena il cuscino,

chè il caldo e l’umidità non mi fanno dormire.

Mil alzo, e mi infilo tra le zanzariere

con la sensazione di soffocare.

Acqua, acqua e ancora acqua!

Piove sena risluzione,

e gli imam non sanno se pregare

che smetta, rischiando una nuova fame.

E’ un ivllaggio nel mezzo del niente,

abbarbicato ad una palude onnipresente,

in un’Africa Regina Nera di terre,

Terra di frontiere, Frontiera di beltà e orrore.

La pioggia intona melodie sulle capanne.

Sono le 3 e mezzo ed è una notte insonne.

Scrivo, scrivo con la mente oltre la tenda

vicino alla frontiera con l’Uganda.

Sono le 4 del mattino e tutt’intorno risuona una nenia…

la pioggia continua la sua mistica sinfonia,

tra un crescendo e un diminuendo

che lascia requie solo di quando in quando.

Domani arriverà l’ucello di metallo.

Ma i kenioti non ridono, qui le persone muoiono.

Le inondazioni hanno lasciato il segno:

bloccati nel villaggio, attendiamo il passaggio della stagione delle piogge.

Tace il monsone e la musica si interrompe.

Il sole sorge. Le iene smettono di urlare.

Ed io mi appresto ad andare

oltre l’indifferenza, il restare il guardare,

oltre il limite, al di là delle froontiere

dove la porvertà non conosce barriere

e la gente muore per un tocco di zanzare.

Asanti dalle frontiere del mondo… o quasi

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.