Crina Tamazlacaru (Romania)

Crina Tamazlacaru (Romania)

Tarmul marii

 

In ochi mi se oglindeste marea

si cantecul ei monoton si pasnic

imi inunda urechile, ce obosite,

asteapta, parca, un glas de dincolo de lume.

Iar vantul de seara, cu brate nevazute,

ma trage pe plaja pustie

si spulbera in jurul meu nisipul.

Blond si tacut, ochiul noptii

mangaie, cu lacrimi lungi de borangic,

valurile marii ce i se supun,

iar stelele

prind in piuneze valul nemarginirii

ca sa nu cada peste mine…

Sus si jos acelasi lucru;

o noapte eterna pretutindeni…

Si eu astept de mana cu nelinistea

la hotarul unui alt taram,

neindraznind sa deschid portile…

Astept poate sabia de foc

sa sfasie negurile si sa ma salveze!…

The realm of the night (versione inglese)

The sea has found mirrors in my eyes

and its peaceful, monotonous song

is flooding into my ears, that tiredly,

seem to be waiting for a voice coming from beyond the world.

And the evening wind, with unseen arms,

is pulling me back to the waste beach

and is sweeping the sand away around me.

Quiet and blond, the eye of the night,

with long floss silk tears, is soothing

the waves of the sea that recognize its power.

And the stars

are fastening pins on the endless veil

to not fall over me…

The same thing up and down;

an everlasting night everywhere…

And, hand in hand with restlessness, I am waiting

at the border of another land,

not daring to open the gates…

Perhaps, I am waiting for the fired sword

to tear the mists away and to save me!…

Il regno della notte

Il mare ha trovato specchi nei miei occhi

e il suo quieto, monotono, canto

scorre nelle mie orecchie che stancamente

sembrano aspettare una voce dall’altro mondo.

E il vento della sera, con braccia invisibili

mi risospinge alla spiaggia desolata

e spazza via la sabbia attorno a me.

Silenzioso e biondo l’occhio della notte,

con lacrime come lunghi fili di seta, blandisce

le onde del mare che riconoscono il suo potere.

E le stelle

sono spilli puntati a trattenere il velo senza fine

che non cada su di me…

La stessa cosa in alto e in basso;

ovunque una perpetua notte….

E mano nella mano con l’inquietudine, io attendo

al confine di un’altra terra,

non osando aprire i cancelli…

Forse sto aspettando la spada fiammeggiante

che squarci le brume e mi salvi!…

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.