Andriuolo Irene

ASCOLTAMI 

Nella stagione in cui

questo spazio non basta più

e il cielo diventa pesante

come un tetto troppo basso

tra le tue mani cerco rifugio

per sprofondare nel blu del silenzio,

nel tuo fluttuare lento.

E tra l’affanno

e la voglia d’infinito

ti sussurro: insegnami

che la vita non è

un agguato oltre la collina

a non spaventarmi se la terra trema

e a darmi un’opportunità

anche nei giorni stanchi.

Insegnami a far cantare l’anima

a orientarmi senza bussola

accolta nel bagliore

del tenace fuoco della volontà.

Dimmi che ogni giorno

non sarà acqua salata

su una ferita aperta

dimmi che c’è ancora tempo

anche quando è tardi

perché il tempo, in fondo, sa aspettare.

Fermami quando sto per partire

decisa a tornare indietro

o se mi nascondo

dietro a illusorie paure

convinta che oltre l’orizzonte

non ci sia nient’altro che le nuvole.

Ascoltami quando ti sussurro

tra i singhiozzi del silenzio

che è troppo tardi o troppo presto

che non è questa la stagione

non è questo quello che cercavo.

E amami anche quando non ti ascolto

e finisce che mi perdo.

Insegnami e parlami

fermami, ascoltami ed amami.

E mi addormento tra le tue mani

nell’equilibrio pieno

di un cielo che ride.

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.