Sara Ucci

Sara Ucci

NECROSI DI NATURA

 

Mano istruita crea

Nell’effimera dimensione del niente

Nasce l’essenza

Cresce a fatica

Si manifesta ….ed è un incanto

Abbaia di lontano

Sgorga da un’antica roccia

Scorre tra aride particelle

Si estende per miglia

Giunge al di la della linea di confine…

Porta vita,

Rumori

Colori

Profumi

Sento su di me la sua presenza..

Il vento del Nord mi accarezza

Fluenti piogge mi bagnano

I capelli danzano al sole

Infinti intrecci di emozioni mi sinostosano a lei….

…l’orgasmo è raggiunto.

D’un tratto una visione.

Un ostacolo.

L’animale.

L’iride del mio occhio

Urla furente

L’ambigua nitidezza di un cielo d’aprile

Sovrasta ogni cosa

L’epidemia della distruzione s’espande

Non vedo più nulla

Respiro a fatica

La mia casa è invasa dal fango

L’oceano sommerge le mie terre

Tutto trema

Il caldo e il freddo

Si alleano

E’ la metamorfosi

Il grigiore che è nell’aria

Rincorre le verdi sfumature

Dei tempi che furono

Le raggiunge

E’ lo sterminio

Tra i fumi neri

Sorge un rifugio artificiale anche per Lei

Una lapide

“qui giace madre natura”

Share

Recommended Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.